La Grande Rivoluzione delle Batterie Solari

bioplastica: vantaggi e svantaggi - foto1
Bioplastica: Cos’è? Quali sono i suoi Vantaggi e Svantaggi?
29 Agosto 2019
elettromobilità: vantaggi e svantaggi - foto1
Elettromobilità: ecco i suoi Vantaggi e Svantaggi
27 Settembre 2019

La Grande Rivoluzione delle Batterie Solari

batterie solari - sistema di accumulo - foto1

Nel corso degli ultimi anni le batterie solari stanno diventando delle vere e proprie protagoniste nel mondo delle rinnovabili. Questa crescita è possibile grazie ai costanti progressi tecnologici che vengono effettuati in questo particolare campo; in aggiunta, questi miglioramenti consentono di abbassare i costi di questo utile sistema di accumulo fotovoltaico.
Generalmente, le batterie solari funzionano al meglio delle loro potenzialità per circa 10-15 anni. Sebbene durino meno dei pannelli fotovoltaici per cui operano (un pannello fotovoltaico lavora al massimo delle sue capacità per circa 25-30 anni), sono un ottimo sistema per stoccare l’energia elettrica generata dall’impianto, soprattutto nei momenti in cui l’energia prodotta supera di gran lunga quella necessaria a coprire il fabbisogno energetico. Il quantitativo accumulato sarà poi riutilizzabile in un secondo momento per coprire la domanda di energia (per esempio di notte o nelle giornate in cui le condizioni atmosferiche sono particolarmente avverse).

L’utilità di una batteria solare

Anche in tempi recenti, gli impianti fotovoltaici non prevedevano alcun sistema di accumulo. Pertanto, l’energia prodotta veniva persa o reintrodotta nella rete pubblica (con un conguaglio economico a favore del proprietario dell’impianto). Quest’ultimo sistema, chiamato “Scambio sul posto”, è ugualmente molto valido e tuttora utilizzato da chi non intende installare sistemi di accumulo.
Con il progresso tecnologico, però, lo stoccaggio dell’energia anche su piccola scala è diventato realtà. Le batterie solari, quindi, permettono di accumulare tutta l’energia generata e di evitare perdite. Un ulteriore vantaggio è una maggior indipendenza energetica dalla rete pubblica, aspetto che consente di diminuire in modo significativo i costi delle bollette.
Per chi invece è più sensibile alle tematiche ambientali, possedere un sistema di accumulo si traduce nella diminuzione della propria impronta ecologica e in una minore dipendenza dai combustibili fossili. Stoccare energia pulita, in altri termini, abbassa il livello di CO2 emessa nell’atmosfera.
La batteria solare è certamente un investimento economico, così come l’installazione di un impianto fotovoltaico. Certo è che nel corso degli anni permette di ridurre sostanzialmente il prezzo della bolletta, permettendo di rientrare dei costi sostenuti inizialmente nel giro di poco tempo. Va anche tenuto conto degli incentivi economici stanziati dalle varie amministrazioni ed enti pubblici, che possono essere un ingente contributo, abbassando la spesa iniziale.

Installare le batterie solari

I sistemi di accumulo fotovoltaico possono essere installati sia in impianti preesistenti, sia in impianti di nuova generazione. L’unità composta dalle batterie solari è solitamente di grandezza simile ad un comune elettrodomestico e viene installata all’interno della propria abitazione. Pannelli e batterie funzionano molto bene insieme e permettono a chiunque li faccia lavorare congiuntamente di ridurre i costi energetici e, allo stesso tempo, di produrre energia pulita da fonti rinnovabili.

I tipi di batterie solari

Ciò che permette di distinguere i diversi tipi di batterie sono i materiali con cui vengono costruite. I principali sono piombo-acido, litio, Ni-Cd (nichel-cadmio) e NiFe (nichel-ferro). La categorie più conosciuta è sicuramente quella delle batterie al litio, che hanno un ciclo di vita più lungo e dei costi per ciclo più vantaggiosi. Questi due aspetti le rendono sicure ed efficienti da un punto di vista economico. Le batterie piombo-acido, invece, sono l’opzione più economica e sono state impiegate per molti anni in questo genere di sistemi. Il loro svantaggio è la durata: la loro vita, infatti, è più breve delle altre batterie; se, però, si necessitano grandi quantitativi, le batterie al piombo-acido possono essere una valida opzione. Le batterie al nichel-cadmio hanno una lunga vita e sono più economiche rispetto ad alcune opzioni. Sono batterie robuste e che resistono a diverse temperature.
Le batterie agli ioni di litio si scaricano dal 70% al 90%, quelle al piombo-acido circa il 50%. Questo, insieme a una durata maggiore, rende le batterie agli ioni di litio più costose. L’aspettativa di vita delle prime è di 11-15 anni, molto di più di quella delle seconde. Le batterie al litio, inoltre, possono essere usate molto più a lungo prima di dover essere caricate.

Manutenzione

Quando si installa un sistema di accumulo fotovoltaico bisogna essere consapevoli che le batterie solari richiedono un determinato grado di manutenzione per poter performare ad alti livelli. Possono anche essere necessari controlli regolari. Va precisato che questi sistemi devono essere installati da aziende specializzate.

Accumulare l’elettricità prodotta dal proprio impianto fotovoltaico può rivelarsi una scelta vincente, sia da un punto di vista economico, sia ambientale. Si ha infatti la possibilità di ottimizzare la propria autonomia energetica, abbassando i costi sostenuti per l’acquisto di energia elettrica. Inoltre, elettrodomestici ed altri dispositivi verrebbero alimentati usando esclusivamente energia pulita, riducendo le emissioni e, di conseguenza, rendendo più sano il nostro ecosistema.

 

Stai pensando di installare un impianto fotovoltaico?

Il nostro team è pronto a rispondere a tutte le tue domande.